news

MARZO 2018

Sta avendo un concreto successo la rubrica "Parliamo di....", è aperta a chiunque e ci auguriano che altri collezionisti vogliano approfittarne per divulgare le loro preziose competenze. Intanto è uscito fresco fresco un nuovo articolo di Maurizio Baldinucci, dedicato questa volta al rapporto Cinema-Autorespiratori. Un affascinante connubio in cui si rivivono, attraverso un'accurata narrativa e un'infinità di immagini, scene di film celebri in cui compaiono attrezzature sub storiche accanto ad attori e attrici dal nome famoso.

Riguardo proprio alle attrezzature, il sito ha acquisito di recente alcuni pezzi decisamente rari, quali il precursore di tutti i fucili sub, quel Pulvenis che si pone tra le lance a mano ed i primi modelli con la classica impugnatura inventati a fine anni "30 da Kramarenko. Poi il Mares VicoJet De Luxe in versione acciaio inox, forse prodotto in piccolissima serie o soltanto su ordinazione, probabilmente in concorrenza all'esclusivo SuperTrident della Salvas, primo fucile in acciaio inox offerto in alternativa al Trident normale. Nel settore erogatori va evidenziato il continuo accrescersi dei modelli a due tubi made in Usa che pian piano permettono di ricostruire l'evolversi della serie iniziata col Mistral, in un'escalation di modifiche e nuovi modelli che portano al Royal Mistral marcati soprattutto U.S. Divers e Aqualung, di cui in Europa non si sapeva nulla.

Un'attenzione particolare meritano i cataloghi illustrati dei prodotti sub dei primi decenni, difficili da trovare ma mezzi importantissimi per ricostruire con esattezza il nascere e l'evolversi di attrezzi e strumenti storici, nati tra il 1935 e i primi anni "70. Nella sezione specifica i cataloghi completi sono fino a questo momento 22, scansionati pagina per pagina e scaricabili. Molti altri sono in arrivo, anche di aziende di cui non si aveva notizia.

È impressionante scoprire quante cose siano state messe nel tempo a disposizione dei subacquei, pur fermandoci al periodo in cui era quasi tutto artigianale e le invenzioni geniali si alternavano ad altre quanto meno stravaganti. Parlando di numeri, con il contributo di ormai tanti collezionisti e appassionati le schede tecniche descrittive dei vari prodotti hanno superato largamente le 600; i files dedicati alle datazioni riportano l'anno di origine di 1.100 attrezzature ed altre centinaia sono solo in attesa di essere inserite. Passando alle fotografie, quelle presenti sul sito sono più di 1.500.

Una sezione è rimasta immobile, quella delle Collezioni Particolari, ed è un peccato vista la curiosità che sempre suscitano le cose meno note al pari delle più semplici e scontate presentate seguendo uno schema particolare. Potrebbe anche trattarsi del prodotto più umile, il tubo aeratore o snorkel, mostrandolo in una successione di tipi, modelli, colori che ne raccontino il percorso evolutivo, dal pezzo di tubo del gas utilizzato dai pionieri agli aggeggi sofisticati dotati di valvole e deflettori. Eppoi i coltelli, i gadgets, gli arpioni e le fiocine, altro. Tutto contribuisce ad arricchire la nostra cultura tecnico-storica, o più semplicemente la nostra curiosità, per il periodo avventuroso e affascinante che ha caratterizzato un'epoca subacquea ormai lontanissima. 

 

°°°°°°°°°°°°

NOVEMBRE 2017

È passato un mucchio di tempo dall'ultimo incontro su queste pagine e da allora le novità si sono sommate. Oltre al continuo incremento di contenuti in ogni settore, nei mesi scorsi era comparsa la nuova rubrica Mercatino Antico, poi sparita agli inizi di novembre dopo che al suo posto per qualche settimana c'è stato un breve comunicato di chiusura. Perché? Il Mercatino era nato con finalità molto particolari, doveva prima di tutto farsi conoscere per poi trasformarsi in qualcosa di esclusivo. Ha avuto subito un discreto successo, che in ottobre ha portato a insistenti richieste di inserzioni non compatibili, a continue richieste di informazioni, di valutazioni, di deroghe dalle epoche ammesse. In conclusione tante perdite di tempo e qualche seccatura, cose sufficienti a determinarne una veloce cancellazione. Peccato, ma non sarà l'ultima volta che accade. Questo sito vuole restare vivo e tutt'altro che stagnante, pertanto rubriche che nel tempo si dovessero dimostrare fastidiose da gestire o pochissimo apprezzate verranno sostituite. Tornando al Mercatino, non è escluso che lo ripenseremo in seguito basandolo su presupposti del tutto diversi.

Il suo posto è stato ora preso da "LE NOSTRE COLLEZIONI", uno spazio dedicato a chi collabora al sito e desidera mostrare a tutti le immagini delle cose che ha raccolto con passione. Restando nella stringa azzurra del menu principale, la rubrica "PARLIAMO DI...." si è aperta a chiunque abbia qualcosa di particolarmente interessante da pubblicare e già ospita un prezioso articolo di Maurizio Baldinucci dal titolo "Le sorprendenti origini del Mistral".

Altra novità è la pubblicazione dei cataloghi completi delle aziende risalenti ai tempi storici della subacquea (Tecnica > Cataloghi e loghi aziende sub > Cataloghi completi): adesso sono presenti quelli di Malagamba (1939), Cressi (1947 e 1953), Mares (1963), Technisub (1968). Se vi ritrovate un catalogo datato fino ai primi anni "70 potrà essere pubblicato col vostro nome.

Stessa proposta per quanto riguarda l'ultima novità "CURIOSITÁ E STRANEZZE", una raccolta di anedotti e notizie poco note alla quale tutti possono partecipare. Qualcuno ci ha fatto notare che è un pò nascosta (Museo > Scritti e immagini di storia sub > Curiosità e stranezze), vedremo di renderla più visibile.

Un'ultima cosa: in luglio abbiamo fatto nascere il Diving Collectors Register of Italy, il registro dei collezionisti di cose sub di tutte le epoche, un'iniziativa unica al mondo che conta infatti le adesioni di molti tra i più famosi collezionisti di vari Paesi. L'indirizzo del sito è <www.divingcollectorsregister.org>, se siete collezionisti di cose scuba o del settore palombari iscrivetevi!