LA SPIROTECHNIQUE

Nel 1946 la grande casa francese Air Liquide fonda La Spirotechnique, incaricata di produrre il precursore di tutti gli erogatori subacquei automatici come li intendiamo oggi, il CG45 realizzato da Jacques-Yves Cousteau e dall'ing. Emile Gagnan.


Il Comandante Jacque-Yves Cousteau

Quest'ultimo era un progettista della Air Liquide per la quale aveva modificato per la produzione di gas l'erogatore a flusso continuo inventato nel 1860 da Rauquayrol-Denayrouze, da cui deriva chiaramente il CG45. Per quasi dieci anni l'azienda, il cui primo presidente è stato lo stesso Cousteau, oltre a poche altre attrezzature sub produce quel solo erogatore con i due caratteristici tubi corrugati, commercializzato negli Stati Uniti e altrove col nome di Aqua-Lung. Poi nel 1952  lancia il suo primo erogatore bistadio a un solo tubo, il Crystal a sua volta ribattezzato poco più tardi Aquamatic nella versione modificata per i mercati d'oltre oceano. Nel "55 è la volta del Mistral, un'evoluzione del CG45 destinata a conquistare il mondo. La Spirotechnique s'ingrandisce con l'espansione di un mercato ormai vivissimo e nel 1962 inizia a produrre la fotocamera anfibia Calypso,  ideata dal solito Cousteau e progettata dal belga Jean de Wouters. Sarà poi ceduta a Nikon e diventerà Nikonos. Nel 1963 il Mistral lascia il passo al Royal Mistral e nello stesso anno arriva il bistadio a un tubo Aquilon, due erogatori all'apice del progresso. Seguono negli anni successivi la serie degli Inject nati Technisub e l'altra serie lunghissima degli Spiro, mentre nel settore lampade ci sono l'Aqualux, l'Aquaflash, la Superaquaflash.

In campo professionale l'azienda ha anticipato i tempi proponendo fin dal "56 il tribombola Trialu in alluminio, seguito da altre attrezzature speciali e nei primi anni "70 dal casco integrale per grandi profondità EIP 5. Il successo de La Spirotechnique continua fino ai tempi attuali, ora col nome di Aqua Lung.